Anno 2011, Prefazione di Rita Biletta

  

sul testo di M.F. "Alla Ricerca del digiuno perfetto"

 

                                                                                                                                           

 

 BookSprint Edizioni: "Alla ricerca del digiuno perfetto"  - Riveduto e disponibile anche formato in eBook...

 

Scrivere la prefazione di questo libro che tratta l’argomento del digiuno, è per me un grande onore e anche una grande gioia.
Mi sento onorata di essere stata scelta da colui che considero totalmente il mio Maestro, la mia Guida Spirituale e provo gioia immensa perché mi viene data la possibilità di ricambiare, almeno in parte, il grande dono che ho ricevuto dal cielo.
Considero infatti il mio incontro con Mikado Francesco, il dono più prezioso, tra i tanti che la vita mi ha riservato finora.
 
Ricordo ancora, come fosse ieri, il momento in cui lo vidi per la prima volta; mi ero recata a quel seminario senza particolari aspettative; un’amica mi aveva invitata, sapevo che si sarebbe parlato di Reiki, argomento che in parte conoscevo perché avevo ricevuto l’anno precedente l’attivazione al primo livello.
Certamente non potevo immaginare che quello sarebbe stato il primo di una lunga serie di incontri; certamente non potevo immaginare che la mia vita non sarebbe stata più la stessa.
Mentre ascoltavo attentamente la sua spiegazione del simbolo Cho Ki Rei, mi resi conto che fino a quel momento non avevo mai udito nessuno esprimersi con una tale padronanza dell’argomento.
Le sue parole fluivano interrottamente, attorno a lui percepivo una luce ed un’energia tali da impedirmi di distogliere lo sguardo.
Francesco era come una calamita, le cose che diceva non erano tratte da nessun libro; l’uomo che mi stava davanti stava parlando di se stesso, della sua vita, del “suo” Reiki.
Quando il seminario terminò, gli chiesi un colloquio in privato; egli rispose immediatamente di si, così mi trovai faccia a faccia con lui attratta senza scampo dal suo sguardo luminoso e profondo, dal suo incantevole sorriso.
Tutto in lui era vero, la sua disponibilità e il suo ascolto erano totali; era immerso totalmente nel presente, in una parola: era.
Da quel momento sono trascorsi quattro anni e mezzo, ma se ci penso sembra un’eternità.
In questo breve lasso di tempo ho vissuto e sto vivendo, continuamente in trasformazione. Io sono radicalmente cambiata, le persone che mi stanno accanto sono cambiate, gli eventi della nostra vita sono in continuo cambiamento, ma la cosa ancora più sorprendente è la velocità con cui tutto accade.
 
Il fatto più entusiasmante è stato rendermi conto che Francesco stava scardinando una dopo l’altra tutte le mie “certezze”.
Avevo fatto parte per dieci anni di una Scuola Tradizionale esoterica che si riallaccia alla tradizione dell’Ordine Templare, ero piena di concetti tramandati dalle antiche Scuole; mi ero poi avvicinata alla meditazione za zen; studiavo, praticavo ed insegno la scienza dello Yoga…; avevo insomma tutto un mio bagaglio di conoscenza, di esperienze, di convinzioni…
Il confronto con Mikado Francesco mi ha fatto mettere tutto in discussione ma, in primo luogo, ho messo in discussione me stessa. Mi sono resa conto di aver avuto fino a quel momento tanti splendidi insegnanti, preparati, di grande valore, ma nessuno di loro mi aveva mai trasmesso “nel cuore” ciò che vivo da quando ho incontrato lui.
 
L’incontro con Francesco è stato l’evento di questa mia vita; mi rendo conto che senza di lui avrei perso tanto tempo, magari sarei andata fuori strada, seguendo falsi maestri.
Egli mi ha fatto conoscere la Via Cristica, la via per eccellenza ed ora non posso fare altro che andare avanti.
Questa è la sola, unica via, quella che conduce al fine dell’uomo; l’Illuminazione.
Gesù, il Maestro dei Maestri, l’unico che ha contenuto Dio in sé, è la nostra Guida assoluta. Accanto a noi, in questa dimensione terrena, si incarnano esseri luminosi come il nostro amato Mikado, i quali ci prendono per mano e percorrono la strada insieme a noi, ci indicano la meta, ci sostengono nelle prove karmiche che ci troviamo ad affrontare.
Da quella luminosa domenica di maggio tante cose sono successe.
Seguendo il suo illuminato consiglio ho aperto un mio Centro Yoga, “Il Tiglio e la Luna”; in questo luogo immerso nel verde si pratica e si vive lo Yoga, si organizzano eventi e seminari, si applica l’insegnamento Reiki Fuji.
 
Il giorno 25 ottobre 2009, tutti noi che partecipavamo al seminario di Francesco, abbiamo ricevuto una grande benedizione: le divine Orme di Yuzu Asaph, Gesù il Cristo, che Francesco ha portato in Italia dal Kashmir, sono arrivate qui, nel Centro, in questo piccolissimo angolo di Monferrato.
Francesco con il suo grande Amore ci ha fatto vivere un momento indescrivibile che porteremo per sempre nei nostri cuori e che ha segnato l’inizio di un nuovo ciclo. Francesco ci insegna l’Amore Incondizionato, non con le parole ma con il suo esempio.
 
Quando dice: - Non c’è cosa più semplice che cercarmi- sappiate che non sono vuote parole ma sono vita, vera vita, perché è vero, egli c’è sempre: con un messaggio, una telefonata, con i suoi scritti e con la sua potente energia, invisibile agli occhi fisici ma percepibile nel cuore.
Il confronto con lui è bellissimo; l’ho seguito attraverso i primi tre livelli Reiki Fuji fino a vivere pochi mesi fa l’attivazione al quarto livello che sta operando in me un cambiamento profondissimo ed inatteso.
Ad ogni mia domanda ho sempre trovato una risposta che non arriva da un libro scritto da altri ma proviene dalla sua viva esperienza, dall’insegnamento dei Maestri di Luce o dai suoi frequenti viaggi nella Grande Biblioteca Universale, conosciuta come Akasha.
Un altro aspetto fondamentale del suo insegnamento consiste nel non avere segreti; egli dona senza limiti, condivide completamente le proprie conoscenze ed esperienze. La crescita dell’allievo è quindi sorprendentemente veloce, continuamente alimentata dalla sua presenza.
In lui trovo sempre Amore e mai giudizio, trovo totale disponibilità all’ascolto ed al confronto. Certe volte assume un atteggiamento “burbero” che sulle prime può lasciare sconcertati ma posso dire ora con il senno di poi: - Benedetto ogni tuo rimprovero caro Francesco, perché sono stati proprio questi a portarmi più avanti!
Seguendo il suo insegnamento e soprattutto grazie alla sua presenza, ho vissuto la trasformazione ed il controllo della mia energia sessuale. I Chakra principali vengono ripuliti ed energizzati dall’inesauribile energia Cristica da lui rappresentata.
Ho toccato con mano il cambiamento. Sono passata dalla schiavitù alla libertà.
Spesso, quando la nostra kundalini è squilibrata, noi viviamo succubi delle passioni e non siamo in grado di distinguere il bene dal male, pensiamo che tutto sia lecito e ci facciamo sottomettere da questa forza scatenata.
In nome di quello che crediamo essere “amore” noi portiamo dolore nella nostra vita, in quella degli altri, calpestiamo i sentimenti altrui, mettiamo al centro di tutto il nostro ego smisurato.
Quando impariamo a controllare questo fuoco distruttore, tutto si placa, tutto si calma; vediamo il mondo, la gente, con occhi nuovi perché l’energia ha trovato la sua strada, il suo ordine ed il risultato è scoprire di disporre di una forza illimitata che noi, serenamente, riusciamo a controllare e ad incanalare nel bene, per noi stessi e per tutti quelli che abbiamo la gioia di incontrare sul nostro cammino.
 
Concludo ringraziando tutti i miei compagni di viaggio, coloro che affrontano con coraggio le prove della vita e che mi affiancano in questa avventura.
Un grazie immenso al nostro amato Mikado Francesco, che il cielo mandi su di lui e sulla sua famiglia ogni bene.
Che il viaggio intrapreso insieme ci porti alla meta, con gioia e la nostra solita allegria.
 
Con Amore infinito

Rita Biletta

Torna Indietro